Quarant.eno #3 | De' Ricci, Vino Nobile di Montepulciano Soraldo 2016

Quarant.eno #3 | De’ Ricci, Vino Nobile di Montepulciano Soraldo 2016

Per non dimenticare le bottiglie stappate e farci compagnia a distanza. Aspettando, rinchiusi tra casa e cantina, che passi la bufera; esorcizzando virus vecchi e nuovi, e sognando l'inizio di un mondo migliore.
___________________________________________________________________

Questo non è il vino che vi consiglio oggi. E’ quello che ho bevuto, vero, ma se devo esprimere una preferenza tra le etichette De' Ricci, dico Nobile “annata”, piuttosto che questa selezione Soraldo. My two cents.

Beninteso, il vino è ottimo, ma a parer mio un po’ addolcito dalle note speziate del rovere e, per quanto piacevole e ben estratto, da un frutto che confeziona una bocca morbida e senza grandi slanci. Se cercate qualcosa con queste coordinate stilistiche, un rosso su cui fiondarsi, ma se invece siete amanti dei Sangiovese scattanti, verticali e scaltri, più saporiti che materici, allora puntate sul Nobile “annata” di questa brillante cantina poliziana (quello con l’etichetta bianca, per intenderci).

Ah, dimenticavo: l’impresa dei Trabalzini è nuova, anche se la famiglia vanta una spettacolare cantina storica nel cuore del borgo di Montepulciano. Un’idea per una girata da quelle parti, quando sarà di nuovo possibile.

Assaggiatore seriale dal volto umano, ama tutti gli alcolici indistintamente ma è ricambiato soprattutto dal vino. Nei ritagli di tempo frequenta ristoranti che non può permettersi.