Garlider | Alto Adige Valle Isarco Sylvaner 2012

Garlider

Se i tappi alternativi al sughero avranno un futuro in Italia, molto del merito sarà dei vignaioli altoatesini. Sono loro i più coraggiosi, pronti a sfidare le consuetudini di un mercato bigotto con i vini migliori. Se lo screw cap, o tappo a vite, è il più diffuso, non mancano quelli che scelgono l’elegante tappo in vetro, gioiello di rara eleganza. Così è per il Sylvaner 2012 Garlider.

Ora, dovrei fare degli esperimenti comparativi, però il vino che ho bevuto, in bottiglia da tre anni, era in stato di grazia. Perfetto sotto ogni punto di vista.
Profumi ancora giovanili, di lieve eraba tagliata, pesca bianca e uva spina. La bocca ampia e golosa, in ingresso, ma con la dolcezza di fondo attraversata da una vibrante acidità e chiusa da sensazioni finali agrumate, così come di mandorla fresca. Buono e facile da stappare. What else?

Assaggiatore seriale dal volto umano, ama tutti gli alcolici indistintamente ma è ricambiato soprattutto dal vino. Nei ritagli di tempo frequenta ristoranti che non può permettersi.