Vincent Paris, Saint-Joseph Les Cotes 2013: il rosso energade per le settimane da tour de force di assaggi

Paris Vincent - Saint-Joseph Les Cotes '13

Diciamo le cose come stanno: se stai assaggiando da una settimana, tipo otto ore al giorno, Brunello e Montalcino, Montalcino e Brunello, i liquidi che immagini per ritemprarti la sera non sono esattamente colorati di rubino-violaceo-granato-vermiglio. A meno che non ti arrivi sulla tavola, fresco di cantina, un rosso come il Saint-Joseph Les Côtes 2013 di Vincent Paris, vigneron emergente di Cornas, Rodano Settentrionale.

Perché c’è syrah e syrah, e questo appare in tutto e per tutto affratellato alle tipologie ad alto tasso gastronomico (pelaverga, piedirosso, ciliegiolo, per dirne qualcuna) che più amiamo nelle serate disimpegnate. Niente pepature caricaturali, niente masse estrattive e gliceriche da tenere a bada con brasati di triceratopo: 12 gradi e mezzo di puro succo, nerbo e souplesse, in un tripudio di gelsi e melograno. Per un piatto di salumi o un hamburger fighetto, o quello che vi pare. 25 euro in carta, ben spesi.

Per ulteriori informazioni sull’azienda, leggetevi l’ottimo post su Intravino del bravo Mauro “Zero Commenti” Mattei

 

Arbitro di calcio, runner, esperto di comunicazione con fama di persona seria e morigerata. Ero tutto questo prima di prendere 20 chili, scoprire il vino e auotoconvincermi di poter vivere scrivendone.