Perillà Osteria | Il bello e il buono della Val d’Orcia

di

Ad aprile di quest’anno Enrico Bartolini, chef premiato e stellato, executive del Davero*, ha inaugurato la sua nuova osteria – enoteca a Rocca d’Orcia.

Le due attività hanno nomi simili e opposti: Perillà e Perinqua. La proprietà porta un nome importante nel parco della Val d’Orcia e soprattutto nella produzione vinicola della recente DOC Orcia: Podere Forte*.

Così il caso o meglio ancora la lungimiranza di un imprenditore illuminato ha voluto che in un borgo medievale, centro di controllo della via Francigena, si iniziassero i lavori di ristrutturazione del corpo centrale dell’antica rocca. Dopo quattro anni, in due locali adiacenti, nascono l’osteria e l’enoteca. Il direttore di questa orchestra che fa ben sperare per una rinascita gastronomica in Val d’Orcia è, appunto, Enrico Bartolini, giovane chef stellato di origini toscane.

L’osteria si sviluppa su più stanze seguendo un percorso morbido che termina in quella che sarà una cantina a vista, con salette per la lettura. Il rispetto dell’architettura locale, con travi in legno e pietra a vista è ben integrato con la raffinatezza del design di sapore scandinavo. Divertente il tavolo grande all’ingresso la cui forma ricorda un ameba o qualcosa di simile. Su una parete sono in mostra solo i vini di Podere Forte, in realtà la carta è ben più ricca e interessante con proposte nazionali eccellenti e prestigiose bollicine d’oltralpe.

Il menù è semplice, con pochi piatti ma ben legati alla cucina del luogo. C’è la ribollita, ci sono i pici, non mancano le proposte di quinto/quarto, si percepisce però la mano dello chef che ad esempio rende leggera e godibile la testina e che propone un risotto di chiara mano lombarda. Podere Forte fornisce molte delle materie di cucina, quali la carne, tanto la chianina che il pollame, e i buonissimi agnelli. Si spendono 35-40 euro uscendo sazi.

Perillà Osteria

Via Borgo Maestro,

74 53023 Rocca d’Orcia

Tel. +390577887263

info@perilla.it

Foto: perlavaldorcia*