Mediterraneo

Stavolta è arrivata puntuale. Dopo qualche numero saltellante, a zonzo tra distratti postini francesi e italiani, ho in mano la mia copia di luglio – agosto della Revue du Vin de France già da qualche giorno.

Un numero intrigante, con un focus centrale sui “Grands vins de Méditerranée” che attraversa coste e Paesi del mare nostrum, sostando ovviamente in Italia, Spagna, Francia meridionale (con qualche puntata pure in Grecia, Libano, Slovenia, Croazia e Israele).

Un concetto geografico, quello di vini mediterranei, spesso messo a confronto con quello di vini continentali. Più caldi e maturi i primi, capaci di un’evoluzione che mi piace definire “orizzontale”, dove la spalla sapida e saporita gioca un ruolo decisivo; più verticali, dritti e appuntiti i secondi, in grado di trovare allungo e profondità grazie ad acidità impensabili ad altre latitudini. Questo il bianco e il nero, col “grigio” sempre in agguato a confondere il giochino.

I due vini di copertina della Revue sono il Sassicaia 2007 e il Coume Gineste 2008 del Domaine Gauby.

Del primo ho già detto su questi schermi. Lo trovo grandissimo e l’ho preferito al 2006. E visto che qualche giorno fa ho assaggiato anche il 2008, azzardo per quest’ultimo millesimo una posizione mediana tra i due. Più scuro del 2007, forse un filo più potente e denso, a ricordare il 2006, è allo stesso tempo un vino che non teme confronti sul piano della lunghezza e dei chiaroscuri aromatici, di cui il 2007 era appunto un campione assoluto. Vedremo.

I vini di Gauby mi emozionano. Raccontano in maniera magistrale un territorio pazzesco come quello di Calce, un minuscolo villaggio del Roussillon dai tratti magnetici. I suoi 2008 sono semplicemente perfetti, su tutta la linea. Ai vertici Il Coume Gineste, una grenache bianca da vigne vecchissime allevate ad alberello. Un vino che traghetta nel bicchiere le rocce e i minerali di quelle vigne che guardano il mare e toccano le montagne. Punto.

Il rosso Muntada è un’esperienza difficilmente riassumibile, realmente unica. Proviene da viti di carignan di oltre 100 anni, a piede franco, da grenache di 60 – 80 anni e un piccolo saldo di syrah (più botte grande). Come dicono in Francia “un vino nudo”, incapace di rappresentare qualcosa di diverso dal quel che è…


Ecco i Primi 10 vini “Mediterranei” secondo la Revue du Vin de France

1 Domaine Gauby – Muntada 2008

2 Alvaro Palacios – L’Ermita 2007

3 Tenuta San Guido – Sassicaia 2007

4 Domaine Tempier – Bandol Cabassaou 2008

5 Gravner – Anfora Breg 2005

6 Montevetrano – Montevetrano 2008

7 Domaine Peyre Rose – Clos de Cistes 2003

8 Clos Mogador – Priorat 2007

9 Valentini – Trebbiano d’abruzzo 2008

10 Domaine de La Rectoire – Côté Montagne 2008

Assaggiatore seriale dal volto umano, ama tutti gli alcolici indistintamente ma è ricambiato soprattutto dal vino. Nei ritagli di tempo frequenta ristoranti che non può permettersi.