Vigneron nudi e vignaioli in mutande

Le vigne della Borgogna hanno già un certo fascino per gli appassionati di vino di tutto il mondo, eppure le immagini scattate dal fotografo americano Spencer Tunick contribuiscono non poco ad alimentare un certo interesse, esaltando l’immagine di unicità di quei crus…

Tutti nudi tra i vigneti. Più di settecento persone, donne e uomini, hanno posato così, assecondando l’idea di Greenpeace che voleva compiere un gesto di protesta eloquente contro gli effetti del riscaldamento del piantea e i danni di questo alla viticoltura.

”Qui – ha detto Husting – siamo di fronte alla massima espressione del concetto di vigneto. Il terreno e il clima sono importantissimi e ogni minima mutazione a livello delle temperature provochera’ catastrofi perche’ non ci sara’ piu’ quella finezza dell’aroma rinomata in tutto il mondo”.

Beh, a dire il vero i cambiamenti climatici si fanno sentire un pò ovunque, non solo in Borgogna. Anche se, per essere precisi, da noi i produttori non sono proprio nudi ma solo in mutande.

Ma forse qui il clima c’entra poco…

Assaggiatore seriale dal volto umano, ama tutti gli alcolici indistintamente ma è ricambiato soprattutto dal vino. Nei ritagli di tempo frequenta ristoranti che non può permettersi.