Azzurro come il pesce

Avevamo voglia di pesce fresco, e più che altro di trascorrere una giornata fuori dal tritacarne. Tra amici, col cellulare spento, o quasi, sveglia all’alba e via…

Direzione Fano (Pesaro), mar Adriatico. Il mercato all’ingrosso apre alle 4,30, poi di buon’ora si può comprare il meglio del pescato del giorno in giro per la città, da qualche curioso personaggio che bazzica il porto, o dai rivenditori “ufficiali”, come il negozio della Società del Mare Adriatico, che coordina le fatiche e vende il prodotto dei soci – pescatori del posto.

Noi abbiamo sperimentato entrambe le soluzioni, ma non ditelo in giro. L’unica regola è stata quella di comprare solo pesce fresco dell’Adriatico, senza cedere a lusinghe esotiche, che pure non mancano.

Pesce bianco e azzurro: dai moli alle zanchette, dai paganelli alle triglie, fino ad alici, merluzzi, palombi e uno splendido san pietro (foto in basso).

Pesce buono da mangiare e da pensare. Ma forse questa l’ha già detta qualcuno…

Se non avete voglia di cucinare, ma siete dalle parti di Fano, vale la pena mangiare (con pochi euro) Al Pesce Azzurro, il ristorante self – service della cooperativa dei pescatori.

Assaggiatore seriale dal volto umano, ama tutti gli alcolici indistintamente ma è ricambiato soprattutto dal vino. Nei ritagli di tempo frequenta ristoranti che non può permettersi.