Mare, timo e aragoste

D’inverno ci abitano più o meno in centottanta. Centoquaranta persone e il resto diviso tra cani e gatti.

Marettimo è una sorta di grande scoglio dalla natura selvaggia, che in certi angoli ricorda le dolomiti. Le tonalità del blu sono irreali, così come le numerose grotte, i fenomeni carsici, i fondali corallini. Un angolo di paradiso, difficile da apprezzare senza uno straccio di barchetta, un gommone, il pescatore di turno che d’estate arrotonda coi turisti.

Il mio si fa chiamare Pippo. Pesca soprattutto aragoste, sa tutto del’isola, della riserva marina, dei pesci e della flora. E’ convinto che il nome derivi dalle parole mare e timo, in onore di una delle erbe che crescono spontaneamente sui suoi terreni rocciosi.

A giudicare dalla stazza, e da come gli brillano gli occhi quando parla di cibo, dev’essere anche una buona forchetta. E’ lui che mi ha parlato della pasta con l’aragosta in brodo, ricetta diffusa anche in altre parti della Sicilia che qui trova una patria particolare.

Per farla servono ovviamente le aragoste, gli spaghetti e: cipolla, aglio, passata di pomodoro, mandorle, olio extravergine d’oliva, basilico, sale, pepe.

Prima si fa soffriggere la cipolla, quindi si aggiunge la passata e le aragoste tagliate a pezzi, l’acqua e un po’ di sale. Si fa cuocere il tutto a fuoco lento, a metà cottura si aggiungono le mandorle tritate, e si va avanti fin quando le aragoste sono cotte e il brodo è sufficientemente denso.

Gli spaghetti, tagliuzzati con un panno e messi a bollire a parte, vanno versati nel brodo delle aragoste quando hanno raggiunto metà cottura, e li finiscono di cuocersi. A parte si prepara un pesto di aglio e basilico da aggiungere al brodo. Pepe a piacimento.

Sull’isola si può mangiare al ristorante Il Veliero, non lontano dal porticciolo, dove viene preparato dalle mani sapienti di un’anziana signora del posto. Non sempre, e solo fino a una certa ora (a pranzo fino alle 14,30). Una porzione è sufficiente per quattro persone, o due buone forchette, e costa fino a 80 euro.

Sò isolani mica scemi…

Trattoria Il Veliero

corso Umberto, 22

Tel. 0923274

Marettimo (Tp)

Una delle straordinarie grotte sul mare di Marettimo

Assaggiatore seriale dal volto umano, ama tutti gli alcolici indistintamente ma è ricambiato soprattutto dal vino. Nei ritagli di tempo frequenta ristoranti che non può permettersi.