Umbria Jazz 2009. Indirizzi buoni

Umbria Jazz, in programma a Perugia fino al 19 luglio, compie trentasette anni e ha ormai da tempo superato la sua spensierata giovinezza, con tutti i pregi e i difetti che comporta la consapevolezza di essere cresciuti.

Sono lontani i tempi in cui il centro si svegliava tappezzato di sacchi a pelo, invaso da accampamenti di fortuna sui giardi pubblici, con artisti di strada e musicisti più o meno noti che si esibivano fino a notte fonda per le vie della città, fino allo sfogo naturale del prato di San Francesco. Che vantava molte “erbe”, oltre la sua…

Oggi l’evento ha conquistato un certo prestigio internazionale, i concerti sono molti, affascinanti e piuttosto cari, mentri gli appuntamenti gratuiti si sono progressivamente sfilacciati. Insomma, meno colore post sessantottino e più business, anche se le vie del centro mantengono un fascino ineguagliabile in questi giorni e l’albeggiare tra i monumenti ha sempre il profumo dei cornetti appena sfornati…

Qualche suggerimento per vivere al meglio il centro di Perugia

Aperitivo

Le migliori interpretazioni sono quelle del Lunabar Ferrari (via Scura, 6 – tel. 075 5722966), de Il Caffè di Perugia (via G. Mazzini, 10 – tel. 075 5731863), del Milano Lounge Caffè (corso Garibaldi, 2 – tel. 075 5724883) e del Caffè Morlacchi (piazza Morlacchi, 8 – tel. 075 5721760).


Dopocena

La Bottega del Vino (via del Sole, 1 – tel. 075 5716181), è un locale intrinsecamente legato ad Umbria Jazz, visto che la programmazione del festival prevede qui diversi concerti e appuntamenti. Delizioso negli arredi e nell’atmosfera, è un indirizzo consigliabile sia per una buona bottiglia di vino che per quolacosa da mettere sotto i denti.

Da non perdere, se preferite rimanere all’aperto, l’atmosfera del Blitz Caffè (corso Vannucci, 99 – tel. 075 5728778).

Caffè

Il migliore della città è al Caffè del Banco (corso Vannucci, 5 – tel. 075 5730783) che vanta le selezioni di Vincent Rivier; notevole anche il livello dell’espresso firmato Kefè (piazzale Bellucci, 1 – tel. 075 5731260)

Colazione

Non si possono perdere le creazioni di Sandri (corso Vannucci, 32 – tel. 075 5724112), pasticceria di straordinario fascino che alberga in città fin dal 1861

Sedersi a mangiare

Wine Bartolo Hosteria

via Bartolo, 30

075 5716027

Prezzo sui 30 euro

Ideale per chi ha voglia di sapori autentici, dalle frattaglie (nervetti, cervello…) al brasato, dall’agnello della Valnerina allo stracotto di Chianina. Grande selezione di vini e competenza. Atmosfera calda e accogliente. E’ il locale che ha ridato senso, a Perugia, alla parola osteria.

Civico 25

via della Viola, 25

075 5716376

Prezzo sui 30 euro

Locale giovane, dinamico, frizzante e originale dal punto di vista gastronomico. Grande attenzione alle materie prime, splendida carta dei vini. C’è anche qualche tavolino all’aperto. Divertente e scanzonato.

L’Officina

borgo XX giugno, 56

075 5721699

prezzo sui 30 euro

E un posto davvero originale e ben pensato, ideale per l’aperitivo o semplicemente per scolarsi una bottiglia di vino scelta da una carta davvero intrigante, dove non mancano molti produttori biologici e biodinamici, oltre qualche buona birra. La carta offre piatti innovativi ma di grande gusto, spesso con richiami a culture gastronomiche di altri paesi. E’ uno degli indirizzi del momento in città.

Mangiare per la strada

I cult sono la porchetta del chiosco in piazza Matteotti, servita peraltro da una bella ragazza di Tenerife (guarda tu i casi della vita…) e la Cacioteka di Leonardo Spulcia (via Danzetta, 1 – Tel. 075 5729316), capace di sfornare panini stratosferici, ciauscolo e prosciutto casereccio su tutti

FOTO: SETTONCE

Assaggiatore seriale dal volto umano, ama tutti gli alcolici indistintamente ma è ricambiato soprattutto dal vino. Nei ritagli di tempo frequenta ristoranti che non può permettersi.